//
you're reading...
Coast To Coast, Eventi Naturali, Eventi Umani, High/Low Tide, King Surfer Magazine, Oceani Marini, Oceani Monetari, Oceani Urbani, Since 1994

Messaggio in bottiglia x giovani Riders contemporanei…

143154496-16d7b4f3-7e00-490b-8b79-8ccb65cb0770ANNO DOMINI Surf 2013

Anche se non ci segui, sei riuscito ugualmente ad aprirla e se starai leggendo queso messaggio vuol dire che,  in questo sconfinato Oceano di dati, siamo riusciti nel nostro intento. Fanne buon uso in questa nuova era, ora iniziata anche per te nei 3 Oceani della vita Surf, KSM…

Tutto quello che troverai scritto in questo messaggio vuole essere lo stesso tipo di promozione gratuita che abbiamo sempre fatto, tutti questi anni, al Surf tra le Onde del nostro amato Mare, senza per questo averne un diretto tornaconto da qualche amico, sponsor o azienda di settore. Una “pubblicità”, (quelle che “forse” dovremmo, ormai, anteporre a molto altro per imparare a vedere e capire, in modo diverso, dove va il mondo…) di uno dei tanti modi per cercare di sopravvivere ed evolvere nella più grande era del cambiamento in cui ci troviamo. Non è un caso se i riferimenti al fermo passato, non più prossimo, vengono costantemente anteposti alle nuove, migliori mentalità; all’”impercettibile” volontà di cambiamento sociale di fondo a qualsiasi stortura di sistema che siamo stati capaci di architettare per rallentarci fino alle attuali differenze “pubblicitarie” di chi va avanti e di chi rimane indietro…
Perché, l’involutiva e improduttiva complessità “regolata”, ha sì generato nuove mentalità (anche se già non più idonee alla contemporaneità futura), ma è stata anche anteposta al vivere “meglio” in un Paese “volutamente”(?) rallentato, un Paese culturalmente millenario. E più di 3.000 km di coste (senza pericolose maree) e 4 scandite stagioni ne dovrebbero amplificare, “naturalmente” solo di più, lo “spessore” e le evidenti “certificate” differenze europee.
Non è un caso se stanno studiando “nuovi” modelli di sviluppo (?) (1), un “maggior” rispetto per l’ambiente (?) (2) e “nuovi” lifestyle (?) (3) che già stanno evidenziando  il continuo radicale cambiamento sociale da un recentissimo “esodato” ieri.

E non chiederci mai perché non ci siamo fermati davanti all’evidente, “regolata” globalizzazione che ha permesso a tutti di fare belle foto (come se non bastasse pubblicabili in qualsiasi momento) perché anche noi staremo evolvendo con qualcosa che avrà sfavorito, forse, qualcun altro… E quanti gesti quotidiani sono diventate, più o meno, sane abitudini nel tempo di tutti, facendo perdere d’investimento il resto? L’evidente confusione o distrazione, che dir si voglia, è di vederne addossate sempre le colpe a qualcuno o a qualcosa nel convinto, “certificato” sistema italiano, “a insaputa”.

Contrariamente alle “decadi” passate (vedi semplicemente anche lavoro di massa industriale o il sostitutivo, contemporaneo e “garantito lavoro” offerto da tutti gli sprechi pubblici), tutto sta evolvendo maggiormente a ritmi sparsi e apparentemente “deregolati” dal sistema, tanto da “apparire” volutamente rallentato da quelle stesse “regolate” acquisizioni o fusioni globalizzate (vedi anche semplicemente fenomeno RedBull, anche come Sponsor, “brand-sports” globale, o dei Fondi Sovrani d’investimento e/o Multinazionali artefici dello spostamento di capitali “superiori”, tanto da “sembrare” di voler essere i nuovi, futuri datori di lavoro di massa “certificati”, del già superato e vincolato “passato Vs presente” territoriale…), più comunemente da quello che scorre tra una pubblicità e l’altra, dagli stessi che ne accentuano gli errori e ne raccontano le diverse quotidianità, tra finzione, realtà, lusso, povertà e loro “verità” certificate(?).
E mai come in questi ultimi 2 anni tutto è venuto fuori a intrecciarsi, tra crisi dichiarata, spread e chi non è riuscito a farcela; dove il cattivo tempo è stato anche volutamente previsto “armoniosamente”, tanto per non compromettere ulteriormente qualsiasi, altra attività economica del periodo…

Basterà ancora una birra per non pensarci davanti a qualche altro abbonamento “seriale”? Perché alla seconda il limite alcolico ti sarà già stato frodato e multato, a tua non più lucida “insaputa”, da chi ti resetta il sistema come in un eterno deja-vù, senza mai evolverlo negli anni, come invece si dovrebbe per il proprio Paese, con le esperienze di chi ci ha preceduti e con quello spirito che ha sempre contraddistinto un italiano. E sono in molti a rinnovarne costantemente l’appartenenza, dalla Costituzione a tutte le Arti in genere. Ed è evidente che i conti non tornano. Nemmeno agli ultimi che si sono resi conto, forse anche prima degli assopiti sentori della nostra, precedente generazione  – spettatrice “seriale”(?), –  che questo Paese non parte mai per una vera, sana ripresa o evoluzione contemporanea…
E lasciamo alla chiesa il dovere della semplicità x abbracciare e farsi abbracciare da culture lontane,  “nuove” e meno tassate…
Perchè mai come in questi ultimi 2 anni tutto ha avuto il suo chiaro epilogo di un decennio di progresso sprecato, tra spread, crisi e informazione. Per poi tornare tutti al punto di partenza, oggi, ma con quella consapevolezza diversa dell’inizio di una nuova era:

Anno Domini Surf

Non troverai risposte certe(?) come in Natura, ma se il futuro ha aperto, a “insaputa di tutti” infinite e possibili direzioni per farti esprimere la tua creatività, o per farti “seguace” o “followers” di qualcuno o qualcosa, potrebbe essere questo quel qualcosa che ti permetterà sempre di crescere, come nel Surf tra Onde e allenamenti, per mantenere contemporaneità ai tuoi anni, nella sana quotidianità del tempo?
O continuerai ad appartenere a quella schiera di “pericolosi”, spettatori “seriali” della nostra, precedente e “ubriacata” generazione?
Lascia alle nostre responsabilità, alle nostre esperienze, alle nostre ferite l’impegno e la missione che ci siamo presi dal 1994: “Più di un Magazine – l’Italia, la continua evoluzione del Surf e del suo made in Italy”.
E quanti di questi si sono ritrovati Riders, “a insaputa”, e “certificati” dal 1994?

E se l’Editore, naturalmente quello più celeste, ci concederà il dono di saper continuare ad evolvere, dal di dentro, un mondo o un intero settore, che dir si voglia, allora saremo noi i tuoi primi e futuri “seguaci” di qualcosa che non avrà più confini, più rivalità come quella che si è inevitabilmente creata nel recente passato, mettendoci uno contro l’altro (oltretutto senza finanziamenti pubblici nel più pericoloso dei “giochi” al massacro, tutto italiano…) in qualche “altro”, quotidiano “talk”, “talent” globalizzato o sponsor contemporaneo, certificato “a tua insaputa”, solo da te o da qualche altro tuo amico in Italia…

E come nel surf migliore, le uniche difficoltà, le uniche paure, l’unico “nemico” lo troverai in te stesso, e prima inizi e prima avrai chiarezza, la forma mentale per affrontare gli Oceani migliori. Perché sotto i 21 anni può essere un gioco, un videogioco senza liquidità dove poter attingere e migliorare dalle esperienze, dalla fede, dalla speranza e dalla solidarietà dei più adulti. Perché a 30 anni può essere una forma costante d’investimento e divertimento. Perché a 40 anni può anche permetterti di abbandonare o cambiare lavoro, prima che il “regolato” sistema ti costringa ugualmente a farlo. Perché a 50 e oltre puoi trovarti a condividere, anche con la tua famiglia, nuovi argomenti e “strategie” di vita. E cos’è la vita? Cos’è il Surf?

Forse un giorno remeremo tutti nella stessa direzione per lo stesso, libero stile di vita di un mondo KSM migliore…
Oggi ti metto nella condizione di vedere cosa ci ruota intorno tra surf, verità e finzione…
I tuoi errori saranno minori e metabolizzati prima dai tuoi anni (di certo non mancheranno). Ma non permettere mai alle tue eventuali ferite di tradire quello per cui qualcuno mi ha permesso di scriverti, in questo difficile passaggio epocale, per farti vedere anche oltre la “de”riva italiana, di dove avrai trovato questo, spero futuro, messaggio “contemporaneo”, “non certificato” in bottiglia.

E anche se in ritardo con i miei tempi, con un’unica, recente e breve esperienza, spero solo di averlo fatto al meglio…
Perché ora sarai tu ad illuminarla (1), illuminarle (2) e illuminarli (3)…

Enjoy your life
Keep Surfing

L’Editore
KSMworld.org

A.D. Surf – 4 Novembre 2013

Questo slideshow richiede JavaScript.

Almeno una volta nella vita, più interessante di quanto non fanno credere...

Almeno una volta nella vita, più interessante di quanto non fanno credere…

A te la scelta di quando leggerlo. (Anche nelle migliori librerie territoriali Mondadori, laFeltrinelli etc.)

Per la scelta di aprire almeno due conti. Uno di breve e uno di lunga operatività:
ITFORUM Rimini

Calendario economico settimanale degli eventi più importanti che muovono i mercati. Ricordarsi gli appuntamenti fissi, il primo venerdì del mese con i “Non farm payroll” (USA) e il penultimo… Attenzione anche alla forte volatilità con gli interventi dei Presidenti della Bce e della Federal Reserve…

Per maggiori approfondimenti tecnici, anche di Trader privati meno pubblicizzati…

ProRealTime.com: la piattaforma per eccellenza dei grafici di borsa. Tecnologia Java da aprire su qualsiasi, ultimo computer. Consigliato uno schermo adeguato per l’apertura di molteplici grafici (timeframe multipli per capire l’andamento del prezzo nel breve/medio e lungo periodo)

L’altra piattaforma di grafici è la Metatrader offerta dai maggiori broker on line… (vedi ITForum)
A differenza di ProRealTime viene scaricata e quindi da aprire solo da quel computer…

Solo dopo il libro: Autochartist.com

Link traduttore google x Autochartist

link x Wikipedia:
http://it.wikipedia.org/wiki/Foreign_exchange_market
http://it.wikipedia.org/wiki/Agente_di_cambio
http://www.assiomforex.it/
http://it.wikipedia.org/wiki/Categoria:Indici_di_borsa
http://it.wikipedia.org/wiki/Euro_Stoxx_50
http://it.wikipedia.org/wiki/FTSE_MIB

Primi Passi:

1) Libro o + libri
2) ProRealTime offre anche un abbonamento gratuito, ma a chiusure mercati con le sole candele giornaliere e superiori… Ottimo in contemporanea alla lettura del libro e all’impostazione dei grafici, anche senza avere un conto operativo al trading. Vedi anche manuale con video interattivi…
3mesi gratuiti a mercati aperti (candele intraday – inferiori alla candela giornaliera fino al troppo veloce 1 minuto…) dovrebbero essere offerti gratuitamente x testare la loro eccellente evoluzione. Va da se che arrivarci preparato potrebbe far capire e intuire più cose di come muovono i mercati e se può appassionare l’idea di viverli…
Con il calendario economico aperto si potranno seguire i maggiori movimenti della giornata con il mercato di proprio interesse…
3) Non fermarti, anche quando credi di aver intuito + o – tutto…
4) Novembre: Welcome to the next level…

Discussione

I commenti sono chiusi.

novembre: 2013
L M M G V S D
« Ott   Dic »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  
BottleCharts x lost Riders23 febbraio 2015
MondayNight...

H/L Europe

Week end forecast

in a Tweet

Since 1994

Sostieni il Cambiamento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: